storia della magia 1

STORIA DELLA MAGIA

 

Del prof. MAURO GHIRIMOLDI

 

 

ETIMOLOGIA DI MAGIA
Il termine magos e i suoi derivati sono attestati in greco fin dall’epoca classica, e hanno un’origine chiarissima: la
parola proviene dalla Persia, dove i maghi o magi erano dei sacerdoti, o in ogni caso degli specialisti della religione
zoroastriana; Erodoto dice che essi avevano la responsabilità dei sacrifici, dei riti funebri, della divinazione e
dell’interpretazione dei sogni, e Senofonte li dice esperti in tutto ciò che concerne gli dèi: per tale ragione la loro
pratica, detta appunto magia (magheia) venne considerata quella di interazione col divino. Nel corso del tempo, tuttavia,
il termine andò a designare anche gli operatori di magia nel mondo romano, spesso con l’accezione di ciarlatani o
indovini itineranti, mentre si iniziarono a utilizzare termini specifici per le pratiche più o meno lecite e considerate di un
certo spessore sacro (ad esempio le arti divinatorie statali e la teurgia dei filosofi).
Oggigiorno, negli ambienti magici del mondo anglofono, è invalso l’uso di usare il termine magick piuttosto che magic:
ciò trova la sua origine nel pensiero di Crowley, che vedremo più oltre, il quale volle distinguere la sua opera magica
dalla prestidigitazione, che era appunto chiamata magic, senza distinzione alcuna tra realtà e finzione. In ogni caso i due
termini restano ancora oggi interscambiabili.
Spesso tutte le pratiche per così dire magiche vengono definite anche “esoteriche”, termine derivato dal greco
esoterikos, vale a dire “per pochi” (opposto a essoterico, ovvero “per tutti”). Fu invece Eliphas Lévi a coniare il
termine-ombrello che racchiude quasi tutte le discipline esoteriche, vale a dire “occultismo”: in questo senso, egli
cercava di distinguere la pratica magica illusoria (quella dei prestigiatori ma anche dei ciarlatani) da uno studio più
attento, razionale e per così dire scientifico dei fenomeni non manifesti. Per lo stesso Crowley fare magia significava
raggiungere gli scopi della religione attraverso un metodo scientifico.

 

FINE DELLA PRIMA PARTE

 

 

 

Leave a Reply

%d bloggers like this: