Divinazione o mantica

L’ arte divinatoria, l’origine  si perde nella notte dei tempi, conoscere il futuro ha sempre affascinato l’umanità dagli albori della sua storia, un tempo la divinazione veniva considerata una pare della religione.

Infatti si riteneva infatti che gli Dei mandassero dei massaggi tramite determinate pratiche, che venivano interpretate da sacerdoti consacrati per questa missione (aruspici, veggenti, chiaroveggenti) che spiegavano le vicende future di uomini o situazioni particolari (guerre, vita o morte di re o sociali) usando varie forme di divinazione, volo degli uccelli, viscere di animali, dogno, il fuoco, e nei secoli successivi, tarocchi, lettura della mano e dei fondi di caffè, la sfera di cristallo ed altro ancora

 

DSCN1695

Un’altra forma di divinazione sono gli gli oracoli o le sibille che erano gli intermediari tra l’uomo e gli Dei, questi sacerdoti, molto spesso profetesse traevano dal vapore divino che l’oracolo esalava la profezio che in seguito i sacerdoti interpretavano.

famose sono quelle greche del tempio di Apollo e di Delfi, la Sibilla Cumana, che divinava a Cuma vicino a napoli oppure la Sibilla Eritrea o il santuario della fortuna primigenia, sempre in provincia di Roma.

 

 

Rispondi